Nesseria – Fractures

cover_640

Anche se ormai ha già 2 anni alle spalle oggi voglio parlare di “Fractures“, il secondo album dei francesi Nesseria rilasciato da Throatruiner Ṙecords. Il quintetto originario di Orleans non solo impressiona per la qualità compositiva ma riesce a incorporare una infinità di influenze e unificarle in un lavoro veramente completo. La capacità della band di raccontare ed ultimare un concetto nella sua completezza in soli 37 minuti è allucinante, creano un’alchimia di generi che non sfocia mai in confusione: non seguono mai un percorso chiaro, sperimentano e amalgamano mantenendo l’atmosfera del disco compatta e vorace ma senza chiari appigli, una scelta rischiosa che la band ha intrapreso a testa alta, senza mai sprofondare.

è un disco cupo, carico di sofferenza nato per colpire e travolgere con la sua negatività: Des Rues Ordinaires, il brano di apertura è violentissimo e lo scatto a metà è qualcosa di incredibile, troviamo la malinconica Leurs Histoires che sfocia in passaggi doom atmosferici e Cette Somme De Problèmes è quella scheggia black metal che non lascia scampo. Il brano di chiusura, Omayra, è un pezzo strumentale che conclude alla perfezione un lavoro melodico, imponente e sofferto.

Non voglio aggiungere parole perchè sarebbero inutili, è davvero difficile spiegare la sensazione che questo disco trasmettere ma posso solo dirvi che vi lascerà esterrefatti.

Nesseria Bandcamp

Annunci